top of page
WhatsApp Image 2021-03-04 at 18.06.23 (1).jpeg

DIECI ANNI DI IMPEGNO PER UNA REGIONE SOLIDA, MODERNA E AL SERVIZIO DEL TERRITORIO

  • Commissariamento della sanità. Abbiamo soddisfatto i debiti ricevuti e siamo usciti dal commissariamento della sanità: un risultato straordinario che ci ha permesso di tornare ad assumere oltre 10.000 nuovi operatori, di riacquistare gli ospedali e di aprire nuovi nosocomi e strutture di prossimità, di acquisire macchinari altamente tecnologici. Abbiamo avviato una nuova stagione della sanità nel Lazio

 

  • Abbattuti i costi della politica. Sono stati abbattuti del 30% i costi della politica, con l’eliminazione dei vitalizi, il taglio degli stipendi e l’abolizione di tutte le indennità di funzione e sono state drasticamente ridotte le spese per le consulenze esterne.

 

  • Tempi di pagamento. Oggi il Lazio è la Regione più veloce in Italia nei tempi di pagamento, con fatture pagate in media prima della scadenza.

 

  • Società risanate. Sono solo 4 le società in house e tutte risanate a fronte di 20 partecipazioni dirette e 71 realtà tra Ipab, enti e consorzi industriali e di bonifica, con una conseguente riduzione dei Cda, che ha registrato un taglio di circa 400 poltrone.

 

  • Fondi europei. Il Lazio era tra le peggiori regioni nell’utilizzo dei fondi. Abbiamo raggiunto l’obiettivo del 100% della spesa su programmazione 2007-2013 e su quella 2014-2020. Oggi siamo tra le prime Regioni in Italia nella spesa certificata. Sulla nuova programmazione 2021-2027, per la quale abbiamo ottenuto il doppio delle risorse rispetto alla precedente, abbiamo già definito un programma di oltre 100 bandi per un investimento di 1,8 miliardi di euro.

 

  • Piano per l’edilizia pubblica. Abbiamo avviato il più grande piano di edilizia pubblica degli ultimi 30 anni: un investimento di quasi un miliardo di euro per realizzare centinaia di nuovi alloggi senza ulteriore consumo di suolo, interventi di riqualificazione su migliaia di edifici residenziali, ma anche l’installazione della fibra ultraveloce in 15.000 appartamenti e un programma di efficientamento energetico e risanamento delle aree verdi nei complessi Ater di Roma e del Lazio.

 

  • La mobilità collettiva. In questi anni è stata risanata l’azienda Cotral ed è stata rinnovata l’intera flotta dei bus extraurbani, sono stati acquistati nuovi treni regionali ed è aumentata la frequenza delle corse: una serie di interventi per migliorare le prestazioni e la qualità del servizio di linea del trasporto pubblico su gomma e su ferro. Un impegno che dovrà proseguire anche nei prossimi anni, insieme a nuove agevolazioni per l’acquisto di abbonamenti, destinate soprattutto ai giovani e alle famiglie più svantaggiate.

 

  • Dalla formazione al lavoro. Sulla formazione e sul lavoro abbiamo promosso politiche innovative, cercando sempre una sintonia con le forze sindacali e datoriali per riformare il settore e sostenere le competenze con l’obiettivo di generare occupazione di qualità. Siamo stati la prima Regione in Italia per crescita dei posti di lavoro e ora puntiamo a essere un modello di sviluppo per trainare la ripresa italiana, anche sul fronte occupazionale.


 

  • Cultura e turismo. Abbiamo investito oltre 150 milioni di euro a sostegno del settore del cinema e dell’audiovisivo: con Lazio Cinema International sono state cofinanziate 154 coproduzioni tra film, serie TV, documentari e film di animazione. Oltre un milione di euro ogni anno per la promozione degli spettacoli dal vivo. Valorizzazione dei beni e dei servizi culturali: riaperti 70 teatri nel Lazio e istituiti nuovi Cammini della spiritualità per favorire nuove forme di turismo.


 

  • Ambiente e agricoltura. Con il nuovo Piano Energetico Regionale, puntiamo a cancellare le emissioni nette di CO2 entro il 2050 grazie al 100% di fonti rinnovabili, mentre il Piano di risanamento qualità dell’aria prevede di ridurre progressivamente i livelli d’inquinamento con investimenti per 3,4 miliardi di euro nei prossimi anni. Sostegno all’industria agroalimentare - dalla produzione primaria alla trasformazione e promozione di piattaforme e-commerce - con oltre 234 milioni di euro per 910 imprese del settore. Numerose risorse e iniziative per la promozione dell’agricoltura biologica, della filiera corta e della cultura del cibo.

 

          Un impegno che dovrà proseguire anche nei prossimi anni per non disperdere il grande lavoro e i preziosi risultati raggiunti finora.

 

                                                                                                                                                                                                    Massimiliano Valeriani

1_sanità.jpeg
slide2.jpeg
WhatsApp Image 2023-01-21 at 11.09.52.jpeg
bottom of page