CASA. REPORT LAZIO: IN 4 ANNI UN MILIARDO DI FONDI REGIONE PER LE PERIFERIE DI ROMA


 

Un miliardo di euro: è quanto ha speso la Regione Lazio negli ultimi 4 anni nelle politiche abitative per rigenerare e riqualificare le periferie di Roma. I numeri, snocciolati dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e dall'assessore regionale alla Casa, Massimiliano Valeriani, sono contenuti ne "La rigenerazione delle periferie", il report sugli investimenti e i progetti promossi dalla Regione per la riqualificazione e l'ampliamento del patrimonio di edilizia pubblica di Roma.

In particolare, sono stati stanziati 70 milioni di euro per la realizzazione di oltre 700 nuovi appartamenti nella città di Roma. Finora sono stati assegnati quasi 250 nuovi alloggi alle famiglie in graduatoria, mentre nel corso del 2022 è prevista la consegna di altre 280 abitazioni.

Sono stati promossi, inoltre, numerosi interventi per la riqualificazione del patrimonio Ater con un finanziamento regionale di circa 300 milioni di euro, che ha interessato migliaia di alloggi nelle periferie di Roma.

Attualmente ci sono circa 30 cantieri aperti nei vari quadranti della città e altri 20 milioni di euro verranno impiegati per realizzare 30 nuovi ascensori e servo scala, che serviranno quasi 1.000 alloggi Ater in diversi municipi: dal Tufello al Quarticciolo, da Tormarancia a Pietralata, da San Basilio al Quadraro, fino a Garbatella, Ostia, Torre Gaia e Primavalle.

Insieme alla riqualificazione degli immobili, sono già state realizzate anche 10 aree verdi con parco giochi e campi polivalenti in altrettanti complessi di edilizia pubblica con un contributo regionale di circa un milione di euro.

È stata quasi completata anche l'installazione della fibra ottica in oltre 15.000 alloggi popolari per superare il divario digitale, ed è stato promosso il progetto "Riaccendi il tuo quartiere" con cui vengono assegnati locali commerciali Ater con affitto agevolato del 50% a botteghe artigiane, start-up e associazioni locali per sostenere e valorizzare il tessuto culturale, sociale ed economico.

E ancora, sono stati stanziati 100 milioni di euro per il sostegno alla locazione: un contributo importante per aiutare migliaia di famiglie in difficoltà con il pagamento dell'affitto.

Sul fronte del completamento delle opere di urbanizzazione in diversi piani di zona del Comune di Roma, gli interventi hanno riguardato o riguarderanno Monte Stallonara nel Municipio XI, Massimina nel Municipio XII, Castelverde nel Municipio VI, La Storta e Torresina 2 nel Municipio XIV. Si tratta di strade, marciapiedi, sistemi fognari e illuminazione pubblica attesi da oltre 15 anni e che ora vengono realizzati dalla Regione con l'obiettivo di migliorare il decoro urbano e la qualità dei servizi.

Sono stati conclusi i lavori nel piano di zona di Settecamini-Casal Bianco nel Municipio IV, mentre nelle prossime settimane inizieranno quelli di Colle Fiorito e Piansaccoccia nel Municipio XIV per poi passare ai Piani di zona di Ponte Galeria, Lunghezzina 2, Rocca Fiorita, Osteria del Curato 2, La Storta Stazione, Colle Fiorito 2, Cesano e Trigoria-Trandafilo per un investimento complessivo di circa 56 milioni di euro.

La Regione, infine, ha già completato le procedure per assegnare i fondi del PNRR destinati alle politiche abitative: circa 240 milioni di euro suddivisi fra Ater e Comuni del Lazio, secondo la consistenza del patrimonio immobiliare pubblico.

Questi finanziamenti, insieme alle risorse del Superbonus 110%, permetteranno di estendere gli interventi per la riqualificazione del patrimonio di edilizia pubblica residenziale di Roma, coinvolgendo oltre 16.000 alloggi popolari per un investimento complessivo di circa 330 milioni di euro.

Per il governatore Nicola Zingaretti "la missione, in questo tempo del post Covid e della guerra, è non fare perdere la speranza alle persone e dare dignità a tutti.

Abbiamo avuto molti morti col Covid e investito tutto quello che potevamo per salvare vite umane. Oggi non dobbiamo permettere che in tante famiglie muoia la speranza che si possa vivere meglio.

Quindi c'è bisogno di un intervento pubblico".

Il Covid "ha lasciato delle ferite, la parte sanitaria è abbastanza sotto controllo, ma ancora più gravi del problema sanitario ci sono quelli della solitudine, l'emarginazione, la povertà e l'esclusione. Viviamo in una città e una regione che ha problemi immensi di lavoro, integrazione e qualità della vita che sono tutti peggiorati. E per risolvere questi problemi bisogna investire perché non sarebbe giusto mettere centinaia di miliardi per poi ritrovarci come prima".

Perché proprio dalla mancata risoluzione dei problemi "cresce la sfiducia delle persone verso la politica, le istituzioni e lo Stato". Quindi "tutto ciò che sta avvenendo deve avere la missione di accorciare la disuguaglianza tra quelle persone che per fortuna hanno addirittura migliorato la qualità della vita dopo la pandemia e tanti che hanno visto ridursi la possibilità di realizzare la propria vita. Noi dobbiamo invertire questo processo perché non esistono problemi irrisolvibili".

La Regione ha portato la banda ultralarga in 15mila appartamenti Ater "e lo faremo per altrettanti alloggi perché vogliamo che l'accesso a questa possibilità sia garantito a tutti allo stesso modo, a prescindere da dive si abita e nel censo. Per questo è importante l'indirizzo della spesa pubblica".

Il 13 maggio "presenteremo la nuova programmazione europea del Lazio per 4,4 miliardi" e ancora prima "a fine mese, partendo dai lotti di Garbatella, inaugureremo- ha concluso Zingaretti- le prime stazioni condominiali di car sharing e motorini green nei lotti delle case Ater".