top of page

COVID. NEL LAZIO POCHE VACCINAZIONI, INTERROGAZIONE AL PRESIDENTE ROCCA

La Federazione degli Oncologi, Cardiologi ed Ematologi ha lanciato l’allarme per le percentuali di vaccinazione anti-Covid molto basse. In particolare, sono le regioni del Sud e il Lazio a registrare numeri molto preoccupanti: una situazione pericolosa che ha già portato a un aumento del 24% della mortalità da Covid con una proiezione paventata di circa 15.000 vittime.

Le cause della ripresa del virus sono attribuite dalla Federazione medica alla completa assenza di una reale programmazione e organizzazione di una campagna di vaccinazione da parte del sistema di prevenzione, a cui si accompagna un silenzio informativo interrotto solo da messaggi confusi e contradditori, che amplificano la disattenzione dei cittadini, soprattutto delle persone più anziane e più fragili.

Il Lazio è tra le regioni con la percentuale più bassa di vaccinazioni: per questo ho presentato un’interrogazione al presidente Francesco Rocca per conoscere quali iniziative intende promuovere al fine di incrementare il numero dei vaccinati. La campagna di comunicazione della Amministrazione regionale è evidentemente passata inosservata, avendo prodotto risultati molto scarsi. È fondamentale che il presidente Rocca cambi marcia e acceleri sulla programmazione e organizzazione delle vaccinazioni anti-Covid con l’obiettivo di scongiurare una ripresa della pandemia con la conseguente congestione degli ospedali e il rischio di una crescita della mortalità nel Lazio.


bottom of page